post COMICON


Salve, ritorno a scrivere finalmente. Da una settimana  si è concluso il Napoli Comicon e per me quest’edizione è stata davvero speciale. Non soltanto perché mi accompagnava la persona che da un bel po’ di tempo ha scelto di starmi affianco e di seguirmi nei miei mille spostamenti ma anche perché questa è stata la 20esima. Ciò  vuol dire che io è da 20 anni che vado e vivo questo festival. Ed è da, almeno, 3 anni che lo vivo da professionista. Ricorderò benissimo tutti i dubbi e le incertezze dei miei 15 anni. L’incontro con gli autori inarrivabili, i miei miti dell’adolescenza, fumetti che mi hanno insegnato a fare fumetti. Il percorso dei miei 20anni, Bologna e Napoli, due città a confronto, due modi di vivere il fumetto e di fare fumetti, due scuole, due sguardi. E ora le nuove inquietudini dei 30.  Questo festival è stato, e continua ad essere, uno dei pochi capi saldi che un giovane fumettista può avere in città e attraverso il quale entra in contatto con realtà lontanissime, prima ancora di iniziare a viaggiare per l’Europa e oltre Oceano. Poi mi hanno dato un premio. Una rivista online che si chiama Spaccanapoli ha selezionato 10 disegnatori sul territorio Campano. Dopo una selezione dei 5 che hanno ottenuto più like 5 giudici hanno espresso il loro parere. Sembra che nel 2018 la miglior fumettista partenopea sia stata io. Sono molto contenta di questo e spero di riuscire a fare una bella mostra l’anno prossimo sempre per il Napoli Comicon. Sono molto contenta di questo piccolo, grande, premio.

Poi c’è una novità un po’ controversa:  SONO DIVENTATA AFFILIATA AMAZON
Questo significa che cliccando su ogni link presente sul mio sito, nei miei post e sulle mie pagine Facebook riceverò da Amazon una piccola commissione in buoni che userò per comprare altri libri e materiali utili al mio lavoro. ♥ Ciò non toglie il mio sostegno e impegno a supporto delle librerie indipendenti e della preferenza e valorizzazione dei canali librai. Questo è soltanto un qualcosa in più, una ulteriore possibilità per sostenermi. (cliccando a questi link per quasi signorina e non so chi sei)

Altra notizia è che STO PER PARTIRE PER IL CANADA. Qui una foto che mi ritrae nel luglio del 2016 sul lato americano delle Cascate del NIAGARA. Ora sto per vederle dall’altra parte. Finalmente dopo 2 anni tra trattative, mail a singhiozzo e con il provvidenziale aiuto di AM BOOK, finalmente il mio primo libro QUASI SIGNORINA è tradotto in INGLESE (con la meravigliosa casa editrice ONE PERCENT PRESS) e lo presenterò al festival TCAF di Toronto (qui la scheda sul sito) Ci vediamo lì!

 

Pic by Stephen Floyd

Share